Cura capelli

Come posso prendermi cura dei miei capelli?

Per mantenere al meglio i propri capelli, preservarne la bellezza e prendersene cura in mancanza di problematiche specifiche del capello e/o del cuoio capelluto, è importante seguire alcune regole:cura_capelli_uomo

– Avere una alimentazione completa
– Evitare rapide o frequenti variazioni di peso.
– Proteggere i capelli dal sole e dai raggi uv. (lampade abbronzanti)
– Non fumare.
– Non abusare di farmaci o integratori
– Lavare spesso i capelli.

 Ogni qual volta si nota una caduta maggiore rispetto alla propria normalità oppure i propri capelli sembrano deboli, stressati, opachi, rovinati, ecc (es. in autunno, dopo il parto, in situazioni di elevato stress) è necessario effettuare una visita specialistica del capello e/o del cuoio capelluto.

Se all’aumentata caduta dei capelli si associa un diradamento è necessario rivolgersi sempre ad un centro tricologico specializzato. L’opportunità di effettuare una visita approfondita a seguito della quale intraprendere un trattamento tricologico appropriato, non è scontata.  E’ consigliabile e vitare i rimedi capelli fai da te o consigliati da un amico. In questi casi prima si interviene sul processo di miniaturizzazione del follicolo, con l’aiuto di uno specialista, maggiori saranno le possibilità di successo del trattamento.
I problemi di capelli e del cuoio capelluto, così come la conseguente perdita dei capelli, non sono processi inevitabili, se presi in anticipo.

 Una corretta fase igienica è il primo passo per prendersi cura dei capelli

Una fase igienica accurata è importante per mantenere il corretto equilibrio idrolipidico del cuoio capelluto. E’ di conseguenza determinante per mantenere una capigliatura sana e folta ed avere capelli sempre lucenti e sani.

Quante volte lavarli?

Dipende dallo stile di vita e dalle abitudini. Chi vive in città ha spesso l’esigenza di lavarli a giorni alterni,
per via dello smog e della pcura capelli: la fase igienica olvere che si depositano sulla capigliatura, rendendola piatta e opaca.

Quale funzione ha lo shampoo?
Uno shampoo di qualità è il primo alleato della cura capelli. La funzione dello shampoo è quella di pulirli rimuovendo le particelle di sebo e lo sporco e nel contempo deve rendere i capelli morbidi, setosi, brillanti, leggeri.

Come agisce lo shampoo?

L’ingrediente principale di uno shampoo è una molecola di tensioattivo che si lega all’acqua permettendo la rimozione del sebo e dello sporco. Utilizzando dei tensioattivi di categorie differenti è possibile ottenere diverse formulazioni di shampoo. In base alle caratteristiche dei propri capelli se ne possono scegliere diversi tipi. Ad esempio shampoo per capelli normali, secchi, grassi, antiforfora, fini, permanentati, colorati, decolorati.
Il pH dello shampoo deve essere acido, intorno a 5.

Quanto spesso occorre lavare i capelli?

Lavarsi i capelli tutti i giorni fa male?
No. Anzi, è opportuno lavare i capelli spesso e non appena si avverte prurito al cuoio capelluto. È bene dedicare al lavaggio almeno tre o quattro minuti, altrimenti il prodotto non riesce ad agire, e sciacquare abbondantemente usando acqua tiepida.

Lavare i capelli troppo spesso provoca la caduta?

Il distacco del capello destinato a cadere è favorito dai traumi meccanici. Perciò la maggior parte dei capelli cade durante il lavaggio ed è un errore ritenere che i lavaggi provochino un aumento della caduta dei capelli.

Il lavaggio è la fase della cura capelli che ha lo scopo di rendere la chioma più brillante e morbida, ed è per questo che uno shampoo non può risolvere alterazioni più profonde come una caduta eccessiva di capelli.
È necessario prestare particolare attenzione all’utilizzo di shampoo contro forfora, seborrea ed eccessivo ingrassamento, in quanto questi prodotti contengono sostanze che vanno usate con cautela,  ed il loro utilizzo deve essere limitato al periodo in cui la problematica è presente.
Un esempio di erroneo utilizzo del tipo di shampoo è quello dato da chi soffre di ipersecrezione sebacea. – capelli grassi – e utilizza shampoo troppo sgrassanti che, nel tempo, potrebbero provocare un aumento dell’untuosità dei capelli – conosciuto come effetto rebound.

La cura dei capelli dopo il lavaggio:

Il balsamo, altro prodotto per la cura capelli per eccellenza viene utilizzato dopo il lavaggio. Tutti i balsami contengono delle molecole a carica positiva che legandosi alle cariche negative presenti sulla superficie del fusto del capello (le cariche negative sono presenti maggiormente nelle aree danneggiate) formano un film sottile che rende la superficie del fusto più liscia. Il balsamo deve essere applicato al termine del lavaggio, lasciato “in posa” per alcuni minuti e poi risciacquato.
Non è vero che il balsamo appesantisce i capelli. Ogni tipo di capello ha bisogno del balsamo “ad hoc”. Ed è per questo che è importante sceglierlo in base alla propria tipologia di capelli. L’uso del balsamo rende il capello più lucido, morbido al tatto, pettinabile. E’ sempre necessario scegliere il prodotto piu’ adatto al nostro tipo di capelli, prediligere prodotti con una formula più naturale possibile ed fare attenzione ai rimedi il fai da te.

Cura capelli – l’asciugatura

Il modo migliore è lasciarli asciugare all’aria ogni volta che è possibile, soprattutto nella bella stagione. Quando si usa il phon (indispensabile per metterli in piega) occorre evitare che l’eccessivo calore denaturi le proteine della cuticola del capello. Una cuticola danneggiata provocherebbe così un danno estetico, rendendo il fusto più secco, opaco e ruvido al tatto.
Per trattare al meglio i fusti dei capelli è preferibile tamponarli delicatamente con un asciugamano e utilizzare phon con diffusori i quali impediscono al calore di concentrarsi troppo in un’area circoscritta dei capelli o del cuoio capelluto. Se si può per esempio in estate, prediligere l’asciugatura naturale capelli.

L’uso di pettini e spazzole di cattiva qualità danneggia meccanicamente il capello. Risulta quindi importante che gli strumenti utilizzati nella pratica quotidiana della cura capelli siano lisci e privi di irregolarità.
È consigliabile districare i capelli da asciutti in quanto da bagnati sono più elastici e quindi meno fragili.
Per una cura capelli ottimale è bene evitare di spazzolarli eccessivamente per non danneggiare troppo le lunghezze e le punte. Per lo stesso motivo consigliamo di evitare l’uso smodato di piaste e arriccia capelli.  Per seguire la moda capelli del momento si rischia di arrecare danni ai fusti.

I prodotti per il finish gel, lacche, ecc. sono adatti alla cura dei capelli?

Se i prodotti cosmetici usati per la cura capelli sono di qualità non fanno male né ai capelli né al cuoio capelluto.
Solamente l’impiego delle lacche per capelli, in quanto difficili da eliminare, andrebbe limitato per quanto possibile. I balsami e gli oli per capelli sono invece necessari per mantenere il fusto del capello in buone condizioni estetiche. Soprattutto quando i capelli risultano essere secchi, stressati dal frequente utilizzo di phon, dagli agenti atmosferici, da tinte e permanenti.

tag : capelli rimedi, capelli cura, cura capelli